Sentenze del giorno

Percorso:Home/Sentenze del giorno

Le ultime 10 sentenze

Cass. n. 14064/2019 – Art. 18, c. 4 e 5 St. Lav. – Forme di tutele applicabili e qualificazione del fatto

Solo ove il fatto contestato e accertato sia espressamente contemplato da una previsione di fonte negoziale vincolante per il datore di lavoro, che tipizzi la condotta del lavoratore come punibile con sanzione conservativa, il licenziamento sarà non solo illegittimo ma anche meritevole della tutela reintegratoria prevista dal comma 4 dell'art. 18 novellato. Coerentemente non può dirsi consentito al giudice, in presenza di una condotta accertata che non rientri in una di quelle descritte dai contratti collettivi ovvero dai codici disciplinari come punibili con sanzione conservativa, applicare ...

24 Maggio 2019|

Cass. n. 13647/2019 – Compensazione nel rapporto di lavoro – Inapplicabilità dell’art. 1246 c.c.

La compensazione del tfr con crediti del datore di lavoro, tra i quali si annovera la penale pattuita per il recesso anticipato dal patto di stabilità, è legittima, posto che il divieto previsto dall’art. 1246, n. 3, c.c., in relazione ai crediti impignorabili, opera solamente con riguardo alla compensazione “propria”, che ricorre quando le reciproche ragioni di debito-credito nascono da distinti rapporti giuridici, e non anche per quella “impropria”, ove le suddette ragioni provengono da un unico rapporto, quale è indubbiamente il rapporto di lavoro ...

23 Maggio 2019|

Cass. n. 13650/2019 – Sospensione concordata dell’attività lavorativa – Effetti sull’imponibile previdenziale

L'obbligazione contributiva, commisurata alla retribuzione che al lavoratore spetterebbe sulla base della contrattazione collettiva vigente (il minimale contributivo), è dovuta anche nei casi di mancata esecuzione della prestazione lavorativa e corresponsione della relativa retribuzione, dipendente da cause diverse da quelle previste dalla legge o dal contratto collettivo, in considerazione della natura indisponibile dell'obbligazione contributiva.

22 Maggio 2019|

Cass. n. 13532/2019 – Notifica via pec – Saturazione della casella di posta elettronica – Decorrenza dei termini

Con specifico riferimento alla ipotesi di saturazione della casella PEC, è stato escluso che tale saturazione configuri un impedimento non imputabile al difensore al fine di legittimare la richiesta di rimessione in termini per la notifica di un atto. In ordine alle conseguenze, sul piano processuale, connesse all'esito negativo della consegna dell'atto inviato a mezzo PEC, per cause imputabili al destinatario, questa Corte, ha confermato la statuizione di inammissibilità per tardività dell'opposizione.

21 Maggio 2019|

Cass. n. 13431/2019 – Indennità buonauscita – Svolgimento mansioni dirigenziali – Determinazione dell’indennità

Nel regime dell'indennità di buonuscita spettante, ai sensi del d.P.R. 29 dicembre 1973 n.1032, artt. 3 e 38 al pubblico dipendente, che non abbia conseguito la qualifica di dirigente e che sia cessato dal servizio nell'esercizio di mansioni superiori in ragione dell'affidamento di un incarico dirigenziale temporaneo di reggenza ai sensi del d.Lgs. n. 165/2001 art. 52, nella base di calcolo dell'indennità va considerato lo stipendio relativo alla qualifica di appartenenza ...

20 Maggio 2019|

Cass. n. 13203/2019 – Infortuni sul lavoro – Omissione degli obblighi datoriali – Responsabilità

L'accertato comportamento del datore di lavoro, di omessa adozione delle idonee misure protettive, né di controllo e vigilanza (rilevante in via esclusiva anche esso solo) che di tali misure fosse fatto effettivamente uso da parte del dipendente, costituisce inadempimento ai propri obblighi protettivi tale da esaurire il nesso eziologico dell'infortunio occorso al lavoratore, così da radicarne in via esclusiva la responsabilità.

17 Maggio 2019|

Rimani aggiornato

Ricevi le pronunce della Corte nella tua casella email
ISCRIVITI
close-link